Tag Archives: Alan Lomax

Alan Lomax racconta come Sanremo ha annientato la musica italiana

Alan Lomax

Segnalo un interessante articolo di Bruno Giurato, pubblicato sul sito www.linkiesta.it, dal titolo Alan Lomax racconta come Sanremo ha annientato la musica italiana. Non solo Sanremo, mi verrebbe da dire, ma sicuramente anche Sanremo. Il mainstream musicale italiano, tranne rarissime eccezioni, ha sempre rifiutato le musiche di tradizione (anzi, in alcuni casi ha addirittura negato che esistessero), e questo è un… Read more »

FacebookTwitterGoogle+WhatsAppGoogle GmailCondividi

Nell’oltre della Taranta

ndt2011

La Puglia e la cultura delle sue isole sonanti di Vincenzo Santoro da Il Paese Nuovo del 30 agosto 2011 La Notte della taranta nacque nel 1998 come primo esperimento importante promosso dall’Istituto Carpitella, organismo che alcuni comuni allora un po’ periferici della nostra provincia decisero di costituire per dare una risposta positiva ai tanti stimoli che venivano dai gruppi… Read more »

L’Archivio Sonoro della Campania e le registrazioni di Roberto de Simone

Locandina

Teatro San Carlo, Napoli, 2 dicembre 2010, ore 17,30 Dopo i lusinghieri riscontri avuti con l’Archivio Sonoro della Puglia, attivo presso la Cittadella della Cultura di Bari e ricco di un’ingente documentazione sonora, fotografica ed audiovisiva che dal 1950 giunge ai giorni nostri, l’associazione culturale Altrosud, d’intesa con la Direzione Generale per gli Archivi del MiBAC, promuove un analogo progetto… Read more »

Dance of the spider women

pecheafar2

In a forgotten corner of Italy, musicians turn a mystical tradition into a source of passionate regional pride di Laura Fraser da Afar, luglio/agosto 2010 The road that runs down through Salento, a region in the heel of Italy’s boot, is almost completely deserted at night. I am driving to a folk concert with two Italian friends, and we pass… Read more »

Alan Lomax e le registrazioni “sul campo”

hero-11-alan-lomax

di Giordano Montecchi da www.unita.it del 30 luglio 2010Qualche volta c’è una buona notizia. E spesso a procurarcela è la rete, in virtù di quel suo potere… come definirlo? Rivoluzionario? Ok, diciamo «mediaticamente rivoluzionario», capace di sovvertire regole e discriminazioni in materia di informazione, o meglio, di condivisione dell’informazione. E siccome il potere è quello che sa tutto e i… Read more »