Odino nelle terre del rimorso. Eugenio Barba e l’Odin Teatret in Salento e Sardegna (1973-1975)

odinoVincenzo Santoro
Odino nelle terre del rimorso. Eugenio Barba e l’Odin Teatret in Salento e Sardegna (1973-1975) 

2017, € 18,  pp. 144. 53 foto in b/n e a colori + dvd. Con prefazione di Eugenio Barba, le fotografie di Tony D’Urso e scritti di Antonio D’Ostuni e Antonello Zanda.

Dal 1973 al 1975 Eugenio Barba e l’Odin Teatret dalla Danimarca si trasferiscono, a più riprese e per lunghi periodi, in Sardegna e nel Salento, con l’intento di portare il teatro in “luoghi senza teatro”, a contatto con popolazioni che abitualmente non ne fruivano. Nel corso di queste permanenze, l’Odin definisce, come modalità di relazione con gli abitanti dei paesi salentini e sardi, in prevalenza contadini e pastori, il cosiddetto “baratto culturale” per cui al dono della loro arte i locali rispondevano con una canzone tradizionale, un ballo o una festa. Un’esperienza destinata a lasciare un segno profondo nei territori interessati, soprattutto nel Salento dove l’Odin aveva come referenti un gruppo di intellettuali, tra i quali Gino Santoro e Rina Durante, impegnati nella ricerca e riproposta della musica tradizionale.

Il libro ricostruisce questa singolare e appassionante vicenda attingendo principalmente a fonti dell’epoca e privilegiando il punto di vista dei protagonisti, individuando anche nessi e relazioni con l’incendio che, da lì a poco, sarebbe divampato attorno al “rinascimento della pizzica”.

Nel DVD allegato al volume, il documentario di Ludovica Ripa Di Meana, In cerca di teatro, girato alla fine della residenza salentina del 1974 (con una rappresentazione in presa diretta dell’incontro tra le due culture, una strepitosa performance di Uccio Aloisi e Uccio Bandello e le prime immagini in movimento della pizzica pizzica) e il film di finzione di Torgeir Wethal, Vestita di bianco, girato sempre nel corso dell’esperienza salentina dell’Odin.

Alla pagina delle edizioni Squilibri è possibile leggere la prefazione di Eugenio Barba e guardare una gallery con le foto di Tony D’Urso.

Le prime presentazioni previste sono:

30 giugno a Lecce, ore 20, presso l’atrio interno del Convitto Palmieri (nuova sede della Biblioteca Provinciale), via Benedetto Cairoli 15, all’interno dell’ultima iniziativa inserita nel progetto DAMA. Partecipano Loredana Capone, (Assessore Cultura Regione Puglia), Luigi De Luca (segreteria ass. Cultura Regione Puglia), Mauro Marino (Fondo Verri). Coordina Antonio Santoro (resp. progetto DAMA). Nel programma dell’evento è prevista anche (alle 18,30) la presentazione del docufilm Tradinnovazione: una musica glocal. Puglia, Sardegna e Piemonte e l’incontro con il regista Piero Cannizzaro. Chiuderà il concerto del gruppo I Mandatari, che presenteranno il loro primo cd Rotte le capase (mia recensione qui: http://lnx.vincenzosantoro.it/2017/06/18/dal-giovane-gruppo-dei-mandatari-uno-dei-cd-piu-belli-e-godibili-degli-ultimi-tempi/ )

21 luglio a Carpignano Salentino (a cui parteciperà anche Eugenio Barba). A breve pubblicheremo maggiori dettagli.

FacebookTwitterGoogle+WhatsAppGoogle GmailCondividi